La Depurazione Primaverile

Condividi:
La Depurazione Primaverile - Il Blog del Dr.Vandelli BioCosmetica

UN RACCONTO DI CAMPAGNA COME PRELUDIO ALLA PRIMAVERA

“La primavera è stagione di rinascita e ripartenza, l’inizio dopo la fine, il ritorno alla vita dopo il lento torpore del dolce inverno.
Lo scatto pigro di lancette ferme; i primi secondi che dopo la carica di mano distratta  tornano a muovere il tempo.

È Ora!
I nobili d’animo, i più attenti e sensibili sentono per “Primi”intorno a sé il graduale spiegarsi di queste forze, e quando ai segni impercettibili della natura si sommano le proprie emozioni che dal profondo emergono, possono sentire pienamente i potenziali dell’Inverno scaturire inesorabili e potenti con fragore e tumulto nei primi movimenti di Primavera.

Fuori e dentro noi, tutt’attorno nelle cinque direzione, nel cielo di sopra e di sotto.
La terra nel primo mese protegge ripiegata su se stessa l’energia vitale, nel secondo rilascia e diffonde il tepore concentrato nella coltre d’autunno.
Puoi notare a occhio nudo il graduale manifestarsi già nei Primi giorni del secondo mese, come una Febbre!
Vapori impercettibili, aliti di terra e sottili nebbie si levano cariche di profumo, in flussi energetici impalpabili come spiriti, e poi la comparsa della Prima Gemma.”

Michel Vandelli

 

I cinesi la chiamano Shao Yang, il piccolo Yang, che tradotto è la Primavera! Per la cultura Orientale essa rappresenta la messa in movimento, la ripartenza. È relazionata al movimento del Legno, al colore verde, al segno cardinale Est dove nasce il sole, al vento e alla giovinezza, alla fantasia, all’immaginazione e alla generosità, ad essa è collegato l’organo del fegato e il suo viscere, la bile o vescica biliare.

In Primavera le giornate si allungano e le temperature si alzano, così tutto intorno a noi, giorno dopo giorno, si risveglia lentamente dall’inverno. La natura sprigiona le sue forze per riemergere a nuova vita, arrivano i primi fiori colorati, si risvegliano i pronubi e i profumi tornano a stimolare i nostri sensi, così anche il nostro corpo cambia, l’organismo si adatta a tutti questi piccoli segnali, ed è proprio adattandosi a questo cambiamento stagionale che iniziamo a regolare il nostro corpo, soprattutto inconsciamente;  iniziamo a produrre ormoni specifici e a rilasciare all’interno del nostro corpo nuovi segnali e stimoli nervosi, utili per prepararci a quello che verrà, per affrontare al meglio i rispettivi cambiamenti stagionali e adattarci ai cicli circadiani.

Tutto il corpo fisico, mentale ed energetico, tende a essere più attivo: iniziamo ad adattarci ai cambiamenti su diversi fronti, non solo per il fatto che le giornate si allungano, cambia l’ora e si tende a fare più attività all’aria aperta, ma anche da un punto di vista fisiologico, il nostro corpo attraverso stimoli ambientali tende a far lavorare gli organi e i visceri emuntori diversamente rispetto a quanto accadeva in inverno.
Il corpo tende così a eliminare in maniera più efficiente le tossine endogene ed esogene che si possono essere accumulate nel periodo invernale.

Come vi abbiamo già accennato, la primavera è associata al Fegato, l'organo più grosso del corpo umano. Esso svolge molte importantissime funzioni quali quella di emulsionare i grassi nel duodeno facilitando, così, la digestione e stimolando i movimenti peristaltici intestinali, ma non solo! Stimola il metabolismo, svolge un'azione detossificante, produce anticorpi e immagazzina vitamine e minerali quando sono in eccesso nel sangue!

Per questo motivo, depurarsi è un ottimo modo per aiutare il fegato a lavorare correttamente senza essere sovraccaricato nelle sue funzioni.


LA DEPURAZIONE

La depurazione è un processo naturale che il nostro organismo attua ogni giorno della nostra vita, ma ci sono dei periodi in cui questo complicato meccanismo che avviene su diversi fronti (cellulare, endocrino, circolatorio, basale, respiratorio, muscolare, nervoso, immunitario, epidermico e secretorio) viene stimolato maggiormente. La primavera è uno di questi momenti in cui il corpo sente la necessità di depurarsi in maniera più importante rispetto ad altri periodi dell’anno meno idonei o dove gli apparati sono impegnati in funzioni più importanti.

Al di là di quanto il nostro organismo possa fare, noi possiamo aiutarlo in questa complessa operazione di depurazione attraverso l’utilizzo di specifiche piante officinali, alimenti, ginnastiche, e trattamenti del benessere, in momenti propizi.

Ci sono diversi modi per attuare una depurazione primaverile, ma prima di tutto bisogna ricordare che tutte le persone con problemi cronici o acuti a livello sia dell’apparato renale che di quello epatico dovrebbero consultare il proprio medico prima di intraprendere qualsiasi depurazione, soprattutto se si stanno utilizzano farmaci o se si stanno seguendo terapie particolari.

Prepararsi ad attuare 3-5 giorni di depurazione significa essenzialmente avere 3 condizioni base per riuscire nel proprio intento:

  • Sentirsi fisicamente e mentalmente forti, visto che le nostre abitudini per questi giorni cambieranno in modo significativo rispetto al solito.
  • Avere alcuni giorni liberi davanti a sé per attuare la depurazione senza incorrere in stress o impegni importanti: il mio consiglio è di fare questo tipo di pratica durante weekend e/o ponti lavorativi, per evitare di fallire durante il percorso.
  • Ascoltare il proprio corpo e provare a migliorarsi, ma senza che questo diventi una tortura: se non riusciamo a portare a termine la depurazione, interrompiamo tranquillamente, non è una missione o questione di vita o di morte!

Nello specifico, che cosa dovrebbe comprendere il nostro percorso di depurazione?

Di seguito 10 punti fondamentali che dovrebbero rientrare nel percorso depurativo; non è obbligatorio o sempre possibile attuare tutti questi punti, soprattutto se non fanno già parte delle vostre abitudini quotidiane personali, quindi adattate quanto leggete al vostro stile di vita, ma tenete conto che state facendo un percorso depurativo e che, di conseguenza, esso necessita qualche sacrificio e sforzo in più rispetto alla normale vita di tutti i giorni.

Tuttavia, per ottenere risultati soddisfacenti i primi 6 punti andrebbero osservati rigorosamente:

  1. È fondamentale bere circa 2,5 litri di acqua al giorno.
  2. Consumare almeno 500 ml di tisana depurativa al giorno, in particolare dopo i pasti (quindi 3 volte al giorno, 200 ml circa ognuna) o in base alla ricetta scelta, così da arrivare a 3 litri di liquidi giornalieri!
  3. Diminuire il regime alimentare in termini di quantità, mangiare meno e preferire frutta, verdura, cereali, legumi, cibi cucinati in modo semplice, poco conditi o artefatti, scegliere gli alimenti in base alla stagione.
  4. Evitare di consumare alcuni prodotti quali: prodotti preconfezionati, latte e latticini, zuccheri raffinati, alcolici, bevande zuccherine, prodotti a base di farine (pane, pasta, biscotti), prodotti da forno, surgelati e fuori stagione.
  5. Evitare di fumare, bere alcolici e caffè, usare i condimenti e il sale con moderazione.
  6. Dormire almeno 8 ore e non stancarsi troppo, anzi rilassatevi!
  7. Dedicare del tempo al proprio corpo, fare esercizi fisici come yoga, Qigong o altro, senza stancarsi troppo, almeno 2 volte al giorno per 40-50 minuti.
  8. Dedicare del tempo alla cura del proprio corpo in generale, quindi di pelle, capelli, mani, piedi, denti, orifizi.
  9. Chi lo desidera, la sera prima di cominciare questa routine può fare una lavanda intestinale (clistere) con 1 litro di infuso di camomilla e malva per svuotare completamente gli intestini.
  10. La scelta dei giorni in cui fare la depurazione è molto soggettiva, bisogna averne voglia, ma se possibile sarebbe bene scegliere i giorni in cui la luna è sinodica crescente (periodo con alte forze riproduttive) oppure quando è discendente (tempo favorevole per tesaurizzare le energie vitali): questi momenti solitamente sono consultabili su calendari specifici. Inoltre, per chi non ha dimestichezza, la falce di luna è un altro buon momento per dare ancora più forza alla depurazione.
     

Chi è più motivato o abituato a questa pratica può intraprendere questo percorso integrando anche un mezzo digiuno, ossia eliminando il pasto serale, o addirittura scegliendo il digiuno completo per un giorno. Questo secondo caso, però, implica una preparazione e una grande consapevolezza: bisogna saperlo fare, senza improvvisazioni.
Il digiuno, infatti, depura l'organismo, generando salute sia fisica che mentale. Secondo la Tradizione yoga, i giorni di Maggio più indicati per astenersi dal pasto serale sono l'11 e il 25, mentre il 4 è il giorno in cui astenersi dai pasti per 24 ore, bevendo solo acqua calda bollita, tè bancha e tisane dolcificate con il miele.

Ora conoscete i passi fondamentali per iniziare un percorso di depurazione, ma ricordate che essa può essere adattata alle vostre esigenze e ai vostri gusti. Per esempio, esistono moltissime tisane e alimenti depurativi.

In fitoterapia vengono utilizzate diverse piante officinali utili sia per la depurazione che per la cura di alcune malattie. Esse possono migliorare, coadiuvare e a volte anche risolvere alcune patologie dell'apparato epatico come cirrosi ed epatiti, possono migliorare la salute del tratto biliare o aiutare nella depurazione generale a livello di pelle e capelli. Per saperne di più e scoprire quali ingredienti utilizzare, non perdetevi la seconda metà dell'articolo dedicato alle erbe più utilizzate in primavera, in uscita la prossima settimana sul nostro blog!

Di seguito, i link ad articoli correlati per fare una buona depurazione:

Ginnastiche della primavera:

Cura del corpo e dei capelli: